Energia solare pro e contro

energia solare vantaggi e svantaggi

I Pro e i contro dell’energia solare

Al mondo, esistono un buon numero di energie rinnovabili capaci di migliorare gradualmente l’attuale condizione ambientale. Purtroppo, però, gli stati sembrano ancora abbastanza restii sul loro utilizzo, benché siano state già ampiamente utilizzate in numerose occasioni (e la cosa avviene tuttora).

Ogni energia rinnovabile, quindi apparentemente inestinguibile, porta con sé vari pregi e difetti. La perfezione, a quanto pare, non esiste neanche in natura!

L’energia eolica, ad esempio, quella centrifugata dal movimento circolare delle omonime pale, consente certamente di risparmiare sui costi dell’energia elettrica e riduce praticamente a zero l’impatto ambientale; tuttavia, produce un rude inquinamento acustico e, nelle giornate particolarmente afose e senza alcun venticello a soffiare, non si verrebbe a creare nessuna forma di energia autosufficiente.

Dopotutto, è  normale: come potrebbe mai esistere un apparecchio in grado di sfruttare le zaffate di vento, se questo in primis non è presente?

Semplice: gli è impossibile. Questo tipo di ragionamento, si applica alla perfezione a qualsiasi fonte di energia pulita, come in gergo viene chiamata. In particolare, sono correnti i dibattiti sull’energia solare e gli annessi pannelli fotovoltaici: c’è chi osanna la loro utilità e chi, invece, ne minimizza i risultati a causa di altri fattori.

Quale sarà mai la verità?

 

Energia solare: vantaggi e svantaggi

Per quel che concerne l’energia solare, i vantaggi e gli svantaggi che è possibile annoverare, volgono sensibilmente a favore dei pannelli fotovoltaici. Tuttavia, per discernere al meglio i pro e i contro della possibile installazione di un impianto sfruttante la calura dei raggi, è bene analizzarne le peculiarità, sia negative che positive.

Dato che iniziare con le “brutte notizie” abbellisce ulteriormente quelle benevole, sarebbe meglio dedicar loro il giusto anticipo.

Ogni punto di seguito elencato, è frutto di studi appropriati e non di bufale come, invece, appare sempre più lecito trovare sul web.

 

Quali sono gli svantaggi:

  • Si tratta di un’energia discontinua: ovviamente, quando si parla di energia solare, appare implicito che la stessa sia del tutto assente durante la notte, se si esclude il lume riflettente della luna. Inoltre, entrano in gioco altri fattori importanti come l’alternarsi delle stagioni e le condizioni meteorologiche. In un giorno di pioggia, dunque, sarà più arduo ottenere energia solare.

 

  • Costo dell’impianto: il costo di un impianto fotovoltaico con pannelli ad accumulo (o a concentrazione) potrebbe ostentarsi proibitivo per qualcuno. Stiamo parlando, infatti, di circa 30mila euro, se non anche 35mila. È bene, dunque, avvedersi della propria disponibilità economica.

 

  • Spazio: allo scopo di piazzare un impianto ben funzionante e facilmente raggiungibile in tutte le sue componenti, è necessario avere uno spazio non indifferente. Magari, si potrebbe immettere il convertitore nel garage, sempre che il tetto sia abbastanza largo da poter supportare la totale estensione dei pannelli fotovoltaici.

 

Quali sono i vantaggi:

  • Ammortamento: per tutti coloro che faranno uso dei pannelli fotovoltaici, lo Stato sarà ben disposto ad ammortizzare i costi dell’installazione, che si tratti di un impianto classico o dotato di pannelli a concentrazione (questi più efficienti ma, allo stesso tempo, anche più costosi). È una nota davvero positiva.

 

  • Inquinamento totalmente azzerato: a differenza dell’energia elettrica prodotta tradizionalmente, quella convertita dai pannelli non emette alcun agente inquinante nell’aria. Difatti, le centrali che producono energia elettrica funzionano attraverso il carbone e materiali affini, i quali, una villa rilasciati nell’atmosfera, ne danneggiano gravemente la composizione.  Si può dire che l’energia solare e l’impatto ambientale siano due rette parallele destinate a non incrociarsi mai.

 

  • Possibilità di utilizzare una risorsa inestinguibile: giorni nubilosi e nottate a parte, l’energia solare resterà tale per altri miliardi di anni. Dunque si possono dormire sogni tranquilli, sapendo che i raggi proveniente dalla stella, a differenza delle materie prime e dei corsi acquatici, non smetterà di raggiungerci, pur continuando a utilizzarli

 

  • Risparmio: proprio così, si risparmia. Adottando un impianto fotovoltaico, la bolletta peserà di meno (economicamente parlando). Il motivo è semplice:  trattandosi di una fonte energetica autosufficiente, non ci sarà bisogno di pagare commissioni di approvvigionamento, né inerenti alla distribuzione da parte di aziende specializzate.

 

Conclusioni 

La luce solare è un bene di cui, per fortuna, l’uomo non può privarsi, neppure volendolo. Se avesse avuto l’occasione di barattarla per denaro, è probabile che l’avrebbe fatto senza pensarci su due volte. Finché ci sarà l’occasione di sfruttare questa importante energia rinnovabile, esisterà sempre un’alternativa all’inquinamento.